Regolamento del servizio della Biblioteca Civica "Vito Laterza"

approvato con delibera di C.C. n. 27 del 30.05.2006

CAPO I - ISTITUZIONE E FINALITA' DEL SERVIZIO

Art.1 - Finalità del Servizio
Il Comune di Palagiano, in sintonia con quanto espresso nell’art. 5 del proprio Statuto, favorisce la crescita culturale individuale e collettiva e riconosce il diritto dei cittadini all’informazione e alla documentazione, allo scopo di promuovere lo sviluppo della personalità e la consapevole partecipazione alla vita associata, impegnandosi a rimuovere gli ostacoli di ordine fisico e culturale, che si frappongono all’esercizio di questo diritto, con particolare attenzione ai cittadini svantaggiati, garantendo la fruizione dei servizi sulla base dell’uguaglianza di accesso per tutti senza distinzione di età, razza, sesso, religione, nazionalità, lingua o condizione sociale.

Per il perseguimento di tale finalità il Comune di Palagiano istituisce il Servizio Biblioteca, quale strumento di acquisizione, organizzazione e pubblico uso dell’informazione e della documentazione e fa propri i criteri ispiratori della Legge Regionale n.22 /79 in materia di biblioteche di Enti locali e del Manifesto Unesco sulle Biblioteche Pubbliche (1995).

Art.2 - Cooperazione interbibliotecaria
Sulla base delle leggi nazionali e regionali il Comune di Palagiano si impegna a promuove e a favorire l’integrazione e la cooperazione del Servizio Bibliotecario con i servizi bibliotecari attivi nel territorio di altri Enti Locali nonché con archivi, istituzioni culturali, educative e documentarie.

Art.3 - Documentazione delle attività comunali
Il Comune di Palagiano deposita presso la Biblioteca una copia degli studi e di ogni altro lavoro preparatorio a significativa rilevanza documentaria, nonché, copia delle deliberazioni degli organi dell’Amministrazione Comunale di cui sia garantita dalla legge e dai regolamenti vigenti la pubblica consultabilità.

Art.4 - Documentazione storia locale
Il Servizio Biblioteca, anche d’intesa con altri Uffici Comunali, promuove ed incentiva la partecipazione dei soggetti e degli Enti pubblici e privati del territorio alla costituzione ed aggiornamento di una raccolta che ne documenti l’attività e le realizzazioni nei campi della vita sociale, economica e culturale, nonché alla produzione di pubblicazioni inerenti fatti , stati,attività e personaggi della comunità locale.

CAPO II - PATRIMONIO

Art.5 - Patrimonio raro e di pregio.
Il Servizio Bibliotecario Comunale tutela e valorizza il patrimonio librario e documentario raro e di pregio compreso nelle proprie raccolte.

Art.6 - Patrimonio della Biblioteca
Il Patrimonio del Servizio Bibliotecario è costituito da:
1. materiale librario e documentario presente nelle raccolte della Biblioteca all’atto dell’emanazione del presente regolamento, e da quello acquisito per acquisto, dono o scambio, che entra a far parte del patrimonio culturale del Comune di Palagiano;
2. attrezzature e arredi in dotazione alla Biblioteca.

Art.7 - Incrementi del patrimonio documentario
L’ incremento del patrimonio deriva:
1. dall’acquisto di libri, riviste, quotidiani, periodici, CD ROM, audiocassette, videocassette e altro materiale documentario effettuato, tenuto conto delle esigenze dell’utenza e sulla base delle disponibilità di Bilancio.
2. da donazioni di modico valore accettate con lettera del Responsabile del Servizio o da donazioni di notevole valore accettate con delibera di G.M.

Art.8 - Scarto di patrimonio
Le unità bibliografiche e documentarie, appartenenti al patrimonio della Biblioteca, che risultassero smarrite o sottratte alle raccolte saranno segnate in apposite liste redatte annualmente.
Il patrimonio documentario della Biblioteca è inalienabile.
Sono tuttavia ammesse operazioni di scarto del materiale, non avente carattere raro o di pregio, che per lo stato di degrado fisico o perché contenenti informazioni obsolete, non assolva più alla funzione informativa. Lo scarto deve essere autorizzato con determina del Responsabile del Servizio.

Art.9 - Donazione di pubblicazioni
Copie delle pubblicazioni di cui al precedente art. 4, potranno essere donate dall’Amministrazione Comunale in sede di scambi interculturali fra Enti , Istituzioni e pubbliche Autorità, alle Istituzioni scolastiche del territorio, quale incremento delle dotazioni librarie delle biblioteche scolastiche, nonché, secondo la disponibilità, ai cittadini interessati che ne facciano formale richiesta all’Amministrazione Comunale.

CAPO III - ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DEL SERVIZIO

Art.10 - Organizzazione del Servizio.
In base ai regolamenti vigenti e alle disposizioni del Responsabile del Servizio, il Servizio Biblioteca istituisce e indirizza le proprie strutture operative, incrementa e valorizza le proprie raccolte anche sulla base di specifiche indagini sulle esigenze dell’utenza e organizza il materiale documentario secondo le norme della biblioteconomia e documentaristica.

CAPO IV - PERSONALE E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Art.11 - Risorse umane
Nell'ambito della dotazione organica del Comune dovrà essere determinata la dotazione del personale del Servizio Biblioteca composta da un numero di unità necessarie al funzionamento del Servizio, appartenenti ai profili professionali e funzionali corrispondenti alle attività di studio e ricerca, trattamento scientifico del documento e socializzazione dell’informazione e di gestione fisica delle raccolte.
Per prestazioni particolari si potrà fare ricorso alle forme di collaborazione esterna previste dalle norme vigenti in materia.

CAPO V - SERVIZIO AL PUBBLICO

Art.12 - Criteri ispiratori del Servizio al Pubblico
Le strutture operative in cui si articola il Servizio sono istituite e organizzate secondo il criterio della più completa ed efficace soddisfazione delle esigenze informative dell’utenza.
Il personale in servizio conforma il proprio comportamento ed il proprio stile di lavoro a tale principio e tende a stabilire rapporti di collaborazione con gli utenti.

Art.13 - Criteri di accesso al Servizio
La Biblioteca pubblica si propone come patrimonio della comunità, liberamente e gratuitamente fruibile.
Sono ammessi alla Biblioteca tutti coloro che, per motivi di studio e di ricerca, ma anche di interesse personale, desiderano consultare il materiale bibliografico posseduto.
Gli utenti possono accedere alla Biblioteca previa iscrizione , compilando il modello Allegato A) al presente regolamento e rilascio di apposita tessera.
Gli utenti minorenni possono accedere ai servizi previa sottoscrizione, da parte di un genitore o di chi ne fa le veci ( Mod.A1).
L’accesso alla Biblioteca con materiale personale è consentito solo ed esclusivamente se di sussidio alla consultazione e lettura in Biblioteca e deve essere mostrato, al personale addetto, all’ingresso e all’uscita.
Il personale addetto al servizio ha il compito di verificare che nessun utente porti con sé all’uscita i volumi della Biblioteca senza regolare permesso.

Art.14 - Orario di apertura al pubblico
Con deliberazione di G.M. è stabilito l’orario giornaliero e settimanale di apertura al pubblico della Biblioteca Civica "Vito Laterza". L’apertura è articolata sulle fasce di orario che consentano ad ampie categorie di utenti l’utilizzo dei servizi.
Motivato provvedimento del Responsabile del Servizio può stabilire periodi di chiusura della Biblioteca per lavori straordinari o ricorrenti di manutenzione dei locali, per interventi di pulizia dei locali e dei volumi, di riordino delle raccolte o per altre eventuali esigenze, curando che le chiusure avvengano nei periodi di minore accesso del pubblico e dandone chiara e tempestiva informazione all’utenza mediante avviso affisso all’ingresso della Biblioteca stessa.

CAPO VI - I SERVIZI

Art.15 - Tipologia dei servizi al pubblico
I servizi fruibili presso la Biblioteca sono i seguenti:
Consultazione di libri e documenti
Lettura in sede
Servizi multimediali e Internet
Informazione ed orientamento
Prestito locale

Art.16 - Servizio di consultazione e lettura in sede
La consultazione e lettura del materiale documentario sono libere.
Tutti i documenti della Biblioteca sono collocati ad accesso diretto del pubblico ad eccezione di quelli che per ragioni di sicurezza ( perché di particolare pregio,per rarità, o per cattivo stato di conservazione) ne siano esclusi.
I documenti esclusi dalla libera consultazione sono consultabili facendone richiesta al personale .
Il servizio è gratuito.

Art.17 - Servizio di consultazione e lettura in sede
La biblioteca informa i cittadini sulle proprie attività attraverso il sito del Comune, manifesti e affissione di avvisi in Biblioteca e nelle sedi comunali ritenute idonee.
La Biblioteca offre, altresì, un servizio di consulenza bibliografica e di assistenza nella consultazione del materiale documentario per ricerche informative e documentarie. Il personale addetto, coadiuva il lettore nelle sue ricerche con opera di consulenza assidua, discreta e qualificata.

Art.18 - Servizi multimediali e Internet
La Biblioteca rende disponibili documenti e informazioni su qualsiasi supporto, compresi documenti video, sonori e servizi multimediali.
Per usufruire dei Servizi è necessario essere iscritti alla Biblioteca.
In Biblioteca è istituito il servizio Internet – Point , che consente all’utente interessato la navigazione su Internet, previa compilazione del modello Allegato B) :
Il servizio è gratuito ed il tempo massimo di navigazione è di trenta minuti.
Per i minorenni è necessario un tesserino apposito, che viene rilasciato a seguito di autorizzazione scritta da parte di un genitore o da che ne fa le veci, accompagnata dalla copia di un documento di identità ( All. B1).

Art.19 - Servizio di prestito libri e altro materiale
Il prestito è un servizio mediante il quale si realizza la disponibilità dei libri e del materiale documentario appartenente alle raccolte della Biblioteca, sempre che non sia di svantaggio per gli altri utenti o si tratti di materiale per propria natura escluso dal prestito.
Il prestito è personale e deve concludersi con la restituzione dei documenti alla biblioteca entro il termine di scadenza.
A seguito di iscrizione sono ammessi al servizio prestito, gratuitamente e senza limitazioni di età, tutti i domiciliati nel Comune di Palagiano e nei Comuni della Provincia di Taranto. Sono, altresì, ammessi tutti coloro che pur non essendo domiciliati nei Comuni sopra citati, abbiano in Palagiano ovvero in Provincia la propria sede abituale per studio o lavoro debitamente documentata ( frequenza scolastica, libretto di lavoro, ecc.)
Gli utenti minorenni possono accedere al servizio prestito previa autorizzazione , da parte di un genitore o di chi ne fa le veci rilasciata a seguito di sottoscrizione di un modulo appositamente predisposto.

a. - Prestito diretto
Il servizio prestiti è subordinato all’iscrizione alla Biblioteca.
L’iscrizione comporta la conoscenza del presente regolamento che sarà affisso nei locali della Biblioteca .
L’iscrizione comporta, inoltre, la compilazione e la sottoscrizione di una apposita scheda anagrafica di adesione, di cui all’allegato Modello C) alla quale verrà allegata copia di valido documento di identità: per gli iscritti minorenni tale scheda dovrà essere controfirmata da un genitore o da un tutore. ( All. Mod. C 1).
I dati raccolti saranno inseriti in un sistema computerizzato di anagrafe dell’utenza e saranno esclusivamente utilizzati a fini statistici e per le procedure di recupero dei libri e del materiale documentario prestati e non resi , nel rispetto della normativa sulla tutela dei dati personali di cui al “Testo unico sulla privacy” - D.Lgs. 196/2003.

b. - Oggetto del servizio prestito
Oggetto del servizio di prestito sono: libri, CD ROM , videocassette e riviste che costituiscono il patrimonio della Biblioteca. Sono di norma esclusi dal prestito : i periodici, i documenti rari e di pregio, le tesi di laurea, i dizionari,lessici, enciclopedie e i libri e CD ROM di frequente consultazione.

c. - Modalità del prestito
Il prestito deve essere richiesto al personale addetto che, accertata la disponibilità e lo stato dei volumi e del materiale documentario e verificata la situazione dell’utente, provvede a registrare il prestito, rilasciando il permesso d’uscita, e a inserire la cedola di segnalazione al posto del libro o materiale prestato.
A ciascun utente non si possono dare in prestito più di tre volumi .

d. - Obblighi dell’utente
L’utente del servizio è tenuto a comunicare immediatamente eventuali cambi di residenza o domicilio o di numero di telefono. E’ vietato all’utente prestare ad altri i libri o il materiale ricevuto in prestito. Chi riceve libri e materiale documentario, si impegna a conservarli con cura e restituirli nello stato in cui li ha ricevuti, entro il tempo stabilito, senza danneggiamenti ne sottolineature a penna o a matita. Chi trasgredisce alle norme di cui sopra è sospeso o escluso dal prestito secondo le modalità di cui al punto lettera g).

e. - Garanzia a tutela del materiale
Gli addetti al servizio prestito devono controllare l’integrità e lo stato di conservazione del volume e/o di altro materiale prestato prima di registrare l’avvenuta restituzione ed il reinserimento negli scaffali.
Tali elementi, unitamente alle segnature e manomissioni riscontrati, che non incidono sulla conservazione del documento richiesto e ne consentano quindi il prestito, vanno fatti rilevare agli utenti.

f. - Durata del prestito
Il prestito ha la durata massima di trenta giorni. In caso di reale necessità ed in assenza di altre richieste, il prestito può essere prolungato per un massimo di altri trenta giorni. La restituzione dei libri e/o del materiale documentario può essere effettuata anche da persona diversa dal titolare del prestito, se da questi incaricata.

g. - Penali
All’utente che non restituisca puntualmente quanto ricevuto in prestito, è rivolto, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, l’invito a provvedere alla riconsegna entro 20 giorni dalla data di invio del sollecito. Al tempo stesso l’utente è escluso dal servizio prestito fino a restituzione avvenuta.
Nel caso in cui i ritardi nella restituzione si ripetessero per più di tre volte l’utente può essere sospeso definitivamente dal servizio prestito.
All’utente che restituisca danneggiato o smarrisca i libri o altro materiale ricevuto in prestito è rivolto , a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, l’invito a provvedere al suo reintegro o alla sua sostituzione , che può avvenire con altro esemplare della stessa edizione, con esemplare di edizione diversa purché della stessa tipologia, completezza e analoga veste tipografica o, se ciò sia impossibile, al versamento di una somma non inferiore al doppio del valore commerciale del libro o del materiale documentario stesso.

CAPO VII - NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI

Art.20 - Comportamento dell’utente per la consultazione del materiale documentario
I lettori possono prelevare personalmente i volumi dalle collocazioni a scaffale aperto per consultarli in loco;
I lettori, terminata la consultazione, devono lasciare i volumi sui tavoli di lettura per essere riposti dal personale addetto;
E’ vietato far segni o scrivere anche a matita sui libri e documenti della Biblioteca. Il materiale deve essere maneggiato con la massima cura;
E’ vietato introdurre nei locali della Biblioteca, sacchetti, borse,valigie o zaini;
E’ vietato far segni, scrivere e danneggiare i locali, i tavoli e le suppellettili della Biblioteca;
E’ vietato fumare e consumare cibi e bevande nei locali adibiti a Biblioteca;
E’ vietato disturbare, in qualsiasi modo, l’attività di studio e di lavoro;
E vietato usare toni di voce non consoni al luogo;
Non è consentito entrare e trattenersi in Biblioteca per ragioni estranee alla consultazione e allo studio;
Nessun lettore può uscire, anche per un breve lasso di tempo, dalla Biblioteca senza aver restituito le opere ricevute.

Art.21 - Comportamento dell’utente per il servizio Internet
Ogni utente del servizio Internet deve tenere un comportamento rispettoso dell’etica e delle norme del servizio di rete;
Internet non può essere usato per scopi vietati dalla legislazione vigente;
L’utente è direttamente responsabile, civilmente e penalmente a norma delle vigenti leggi in materia dell’uso fatto di internet. La responsabilità si estende anche alla violazione degli accessi protetti, del copyright e delle licenze d’uso.
E’ vietato svolgere operazioni che compromettano la regolare operatività della rete ed è vietato danneggiare le configurazioni del software e dell’hardware dei computer della Biblioteca.
I genitori sono responsabili delle scelte e del corretto uso dei servizi e di materiali multimediali da parte dei loro figli.

Art.22 - Sanzioni per il comportamento scorretto dell’utente
L’utente che tenga, nell’ambito dei locali adibiti a Biblioteca, un comportamento non consono al luogo e che risulti di pregiudizio al servizio pubblico, ovvero non rispetti le norme previste dal presente regolamento, dovrà essere dapprima richiamato, ed in caso di reiterata inosservanza allontanato dagli addetti alla Biblioteca.

Art.23 - Riproduzioni
La Biblioteca non effettua servizio di riproduzione: tuttavia gli utenti, lasciando un proprio documento di identità al personale addetto, possono provvedere all’esterno autonomamente alla fotocopiatura dei documenti posseduti dalla Biblioteca, impegnandosi ad usare il materiale documentario con la massima cura, a salvaguardia del patrimonio e nel rispetto delle norme vigenti sul diritto d’autore.
A tal proposito si precisa che la Biblioteca non è in alcun modo responsabile di eventuali violazioni di legge compiute dall’utente.
La fotocopiatura autonoma deve avvenire entro l’orario di apertura della Biblioteca in modo che il materiale rientri in sede entro l’ora di chiusura della Biblioteca stessa.
Le tesi di laurea sono escluse dalla riproduzione fotostatica.
E’ vietata la riproduzione di libri di pregio e dei volumi in precario stato di conservazione .
E’ vietata la riproduzione di CD ROM e videocassette;

Art.24 - Informazioni e partecipazione
Periodicamente la Biblioteca effettua rilevazioni statistiche in merito all’utilizzo dei servizi.
Può promuovere indagini presso la propria utenza per acquisirne giudizi sulla quantità e qualità dei servizi erogati ed in generale sulla qualità del servizio fornito.

Gli utenti possono presentare suggerimenti per l’acquisto di libri, riviste e di altro materiale documentario, dandone gli estremi e compilando l’apposito modulo disponibile presso la Biblioteca.

DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI

Art.25 - Pubblicità del Regolamento
Copia del presente regolamento sarà esposto all’interno della struttura operativa del Servizio Bibliotecario.

Art.26 - Riferimento ad altre norme
Per gli oggetti non disciplinati espressamente dal presente Regolamento valgono le norme previste negli altri Regolamenti del Comune di Palagiano.
Per quanto non previsto dal presente regolamento e in quanto applicabili, valgono le norme attualmente vigenti in materia , nonché quelle contenute nella legislazione di seguito indicata;
D.P.R. n. 417 del 5.7.1995 – “Regolamento organico delle Biblioteche pubbliche statali”;
L.R. n. 22 del 17.04.1979”- Norme in materia di Biblioteche di Enti Locali e di Enti e Istituzioni di interessa locale”;
L.R. n 61 del 04.12.1981”-Personale delle Biblioteche degli Enti Locali – Integrazione alla L.R. n. 22 del 17.04.1979;
Manifesto UNESCO sulle Biblioteche pubbliche,1995;
L. 248 del 18.8.2000 “ Nuove norme di tutela del diritto d’autore;
D.Lgs 30.06.2003 n. 196 “ Codice in materia di protezione dei dati personali”